Bio

Roberta Nozza,

fotografa indipendente con sede a Bergamo.

Mi piace pensare che con la mia fotografia le persone scoprano bellezza e poesia in ciò che davano per scontato, cerco lo strardinario in tutto quello che viene vissuto come "ordinario" con un amore particolare per la semplicità e la spontaneità.

 

Dicono di me:

La critica: “Le fotografie di Roberta Nozza si configurano come un'attualizzazione della figura di Ofelia dell'Amleto di Shakespeare. Le immagini ripercorrono i momenti salienti della tragedia secentesca, trasferendo nelle diverse modelle e nelle costruzioni scenografiche di oggi i pensieri vaghi di Ofelia, i suoi turbamenti d'amore e i dubbi interiori, fino alla chiusura psicologica, che la porterà alla follia e alla morte. Ofelia è qui personificata da una ragazza dai lunghi capelli e dallo sguardo fisso nel vuoto, avvolta in un lunghissimo velo, che nel ricordare quello nuziale, scende dall'alto, quasi a so ocarla e bloccarle ogni movimento. La malinconica follia è resa dalla fotografa attraverso sommessi toni chiaroscurali e tocchi cromatici che vivacizzano i rami di giglio, simbolo di purezza, mentre il lindore della veste, sommersa nell'acqua preannuncia la futura morte del personaggio. I rinvii drammaturgici, trasfigurati e visualizzati in figure femminili e lughi di oggi, caricano ogni immagine di fantasmi remoti, di pazzie antiche e attuali, di dolori laceranti e paure amorose. Il confine tra realtà e finzione si spezza, per traghettarci dentro immagini spettrali, leggere e luminose, dove il fluire delle piante acquatiche, le tinte vellutate dell'incarnato femminile e il nitore della bianca sottoveste rischiarano il buio, quasi da oltretomba, nel quale pare che ogni donna precipiti. Nella messa in scena, dal forte sapore simbolico e romantico, la fotografa suggerisce che la morte interiore precede quella concreta e allude alla dimensione amorosa elevandolo a pensiero privilegiato, che parla eternamente all'immaginazione.”

[Giampietro Guiotto, collaboratore stabile del quotidiano "Brescia Oggi", critico d’arte e docente di estetica e semiotica dell’arte visiva, presso l’Accademia di Belle Arti LABA]

 

Nel Febbraio 2014 vengo pubblicata su “Il Fotografo”con la serie “Abstract”, astrazioni del paesaggio.

Nel Novembre 2014 pubblicazione su Vogue, selezionata da Franca Sozzani per il contest “Hand”. Sempre nel 2014 pubblicazione su Lens Culture con una fotografia della serie “Searching an identity”.

Aprile 2015 espongo la serie “The Sacrifice” allo spazio Arte di Villa Fenaroli (BS)

Nel 2016 menzione d'onore al MIFA (Moscow Foto Awards ), con l'opera “Via dal nido” successivamente acquisita dal museo d'arte contemporanea CoArtCo di Bagnolo Mella (BS) per la loro collezione permanente.

Nel Dicembre 2016 viene pubblicata una mia intervista su Bergamo Post, relativa al progetto dedicato al mondo femminile, serie tutt'ora work in progress.

Nel 2016/17 esposizione personale allo spazio d'arte “Villa Reale Monza”, con la serie “Genesi”.

Dal 2014 le mie fotografie sono rappresentate dall' agenzia Art and Commerce di New York nella gallery PhotoVogue Collection.

 

Diverse sono le pubblicazioni su magazine di settore, online e cartacei.

Copyright @ All Rights Reserved